L’unione europea ora vuole mettere una nuova tassa sulla plastica

L’europa voluta da Prodi è un fallimento.

L’Ue prepara una nuova tassa sulla plastica

Martedi’ prossimo la Commissione europea presenterà una serie di proposte per ridurre il consumo di plastica nella Ue e, di conseguenza, i Rifiuti da materie plastiche nel quadro dell’azione a sostegno dell’economia circolare. Oggi il commissario al bilancio Guenther Oettinger ha annunciato che l’esecutivo “sta prendendo in considerazione una tassa sulla plastica come nuova risorsa per il bilancio Ue e come leva per ridurre la massa di Rifiuti”. Però l’idea non sarà concretizzata a stretto giro di posta e, comunque, non fara’ parte del ‘pacchetto plastica’ della prossima settimana. Lo hanno indicato fonti europee.

La nuova tassa Ue sulla plastica

Il commissario tedesco al bilancio ha detto che dal primo gennaio la Cina ha chiuso il mercato e “non prende più plastica da riciclare e invece la Ue continua a utilizzarne e produrne troppa”. Di qui la necessità di “disincentivarne l’uso”. Oettinger non ha fornito ulteriori indicazioni sulla tassa che ha in mente la Commissione, tassa che dovrebbe costituire una nuova risorsa propria della Ue per colmare il ‘buco’ di 12-14 miliardi l’anno che si aprira’ nel bilancio europeo dopo la Brexit.

Affari Italiani

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi