Reggio Emilia, troppi stranieri e le case non valgono più nulla

Chi bisogna ringraziare?

Viaggio in via Veneri, a Santa Croce esterna: “C’è un’invasione di stranieri, spesso volano botte. E nessuno qui esce la sera”

Reggio Emilia, 4 novembre 2017 – «Ho cercato di vendere il mio appartamento qualche anno fa, ma con scarsi risultati. Motivo? Semplice: appena gli acquirenti sentono il nome ‘via Veneri’, c’è un fuggi fuggi generale. E vale per tutti, reggiani, residenti fuori provincia o stranieri; ho pagato un immobile che ora non vale più niente».

Una piccola tappezzeria in via Adua è tutto ciò che è rimasto a Renzo Bonanno («in quanto la ditta in cui lavoravo a Bibbiano ha chiuso; a volte bisogna reinventarsi»), 49enne catanese dall’accento inconfondibile, nonostante gli oltre vent’anni trascorsi a Reggio. «A volte mi sembra di sognare», continua mentre si sistema gli occhiali e il cappellino, suoi fedeli compagni di lavoro, «perché onestamente mai avrei pensato di osservare un degrado simile in questa città. Provenendo dal sud, Reggio sembrava un paradiso: pulizia, cordialità e un quartiere sano era tutto ciò che cercavo. Adeguandomi agli usi e costumi dei reggiani. Ora si regredisce ogni giorno di più, e continuo a non trovare una valida spiegazione».

Una piccola tappezzeria in via Adua è tutto ciò che è rimasto a Renzo Bonanno («in quanto la ditta in cui lavoravo a Bibbiano ha chiuso; a volte bisogna reinventarsi»), 49enne catanese dall’accento inconfondibile, nonostante gli oltre vent’anni trascorsi a Reggio. «A volte mi sembra di sognare», continua mentre si sistema gli occhiali e il cappellino, suoi fedeli compagni di lavoro, «perché onestamente mai avrei pensato di osservare un degrado simile in questa città. Provenendo dal sud, Reggio sembrava un paradiso: pulizia, cordialità e un quartiere sano era tutto ciò che cercavo. Adeguandomi agli usi e costumi dei reggiani. Ora si regredisce ogni giorno di più, e continuo a non trovare una valida spiegazione».

Una delusione tramutata improvvisamente in una forte rabbia: «Ho una figlia piccola, un lavoro precario, e un appartamento in via Veneri che non riesco ad affittare. E d’altronde come potrebbe essere altrimenti? La zona antistante al cancello è diventato un orinatoio, e la zona pullula di stranieri senza alcun controllo. Nessuno comprerebbe una casa simile. Ma le tasse continuano ad arrivare puntuali e per giunta salate, esattamente come vent’anni fa; da allora però le cose sono decisamente cambiate. Io mi vergogno di questa situazione, e purtroppo non vedo l’ora di cambiare aria».
Le difficoltà della zona però non sembrano aver colpito solo Bonanno («non so se riuscirò ad arrivare a fine mese…», il saluto poco incoraggiante), come ci testimonia Raffaele Di Francesco, titolare di un’attività di ferramenta, all’occorrenza adibita all’antica arte del calzolaio: «Lo vedete anche voi: qui ormai è un’invasione di stranieri. Ho saputo di alcuni furti subiti da altri commercianti, e per questo motivo cerchiamo sempre di aiutarci tra di noi. Fortunatamente non abito in via Adua; ciò non toglie che spesso e volentieri passo di qua alla sera, per dare un’occhiata».
Infine la vera e propria istituzione di via Adua («ormai in Comune mi conoscono tutti; è da anni che protesto contro la disastrosa gestione di questa zona»), ovvero Nadia Borghi, proprietaria dell’omonima lavanderia, e presidente del ‘Comitato Reggio Emilia cittadini Santa Croce’. Schietta, diretta, e con un chiaro obiettivo: «La Dimora d’Abramo è diventata un’attività di business, scrivetelo pure», sostiene.

«Non è un caso che i sacerdoti fondatori abbiano deciso di abbandonare questo progetto. In via Veneri gli stranieri si picchiano negli appartamenti. Sono state unite varie etnie ma senza il minimo controllo».

Resto del Carlino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi