Potenza. Operaio morto nel 2008 colleghi chiedono giustizia

A nove anni dall’incidente che nel 2008 causò la morte dell’operaio dello stabilimento siderurgico “Siderpotenza» Giuseppe Santoro, i colleghi e i familiari chiedono «giustizia e verità» sull’accaduto, con una cerimonia che si è svolta stamani, nel capoluogo lucano, all’ingresso dello stabilimento.

Dopo aver deposto una corona davanti al cancello principale – dove è stato anche affisso uno striscione con la scritta «Dopo 9 anni dal tragico incidente costato la vita di Giuseppe, speriamo e chiediamo la condanna definitiva, solo così giustizia è fatta” – i familiari e gli operai dello stabilimento hanno osservato un minuto di silenzio in ricordo del collega. Lo scorso anno il Tribunale di Potenza condannò a quattro anni di reclusione per omicidio colposo e disastro ferroviario il macchinista (mentre altre sette persone furono assolte): il convoglio, l’8 agosto 2008, travolse Santoro mentre stava lavorando nel piazzale della “Sider Potenza».

«Non chiediamo la testa di nessuno – hanno spiegato i rappresentanti della Rsu dello stabilimento – ma vogliamo solo giustizia, e vorremmo conoscere la verità dei fatti con la conclusione dei tre gradi di giudizio. Ogni anno organizziamo una manifestazione in ricordo del nostro collega: è anche un momento per riportare l’attenzione sulla vicenda, anche perché dopo nove anni c’è solo il giudizio di primo grado e vorremmo evitare che si arrivi alla prescrizione, perché non si può morire di lavoro»

Gazzetta del Mezzogiorno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi