PER IL #M5S BASTANO NEANCHE 100 VOTI PER ESSERE CANDIDATI SINDACI, ADDIRITTURA A ORISTANO 31.

Per soli 3 voti, Patrizia Cadau (soprannominata La Colt) ha battuto la compagna del M5S a Oristano, città che ha 31 mila abitanti

 

Patrizia Cadau, candidata sindaca a Oristano per il M5S

Si chiama Patrizia Cadau ma sul suo profilo Facebook a fianco al nome appare la scritta La Colt. Come la pistola che la candidata sindaca di Oristano del M5S impugna nella foto pubblicata on line.

La psicopedagogista, nata 45 anni fa a Cairo di Montenotte (Savona) ma da tempo residente nella città sarda, ha vinto le comunarie on line con 31 voti, appena tre in più rispetto alla sfidante Lucia Tomasi in una città che ha più di 31 mila abitanti. Solo pochi giorni fa la Cadau è intervenuta a proposito della guerra tra piccoli commercianti e grande distribuzione (tema del quale si era poi occupato anche Di Maio). Come ricorda Repubblica, la grillina su Facebook ha pubblicato un post in cui parlava di “politici corrotti”, “pupazzi a servizio dell’assessore di turno” e “sintomatologie mafiose”.

La vincitrice delle comunarie è sostenuta da tre meet up, Polis, Giudicato di Arborea e Progetto a 5 Stelle. Tomasi, invece, aveva l’appoggio del meet up Oristano in MOvimento. Al momento, quella di Patrizia Cadau è la terza candidatura ufficiale a sindaco di Oristano.

Prima di lei sono scesi in campo il regista Filippo Martinez, per la lista civica Capitale Oristano, e Cristina Puddu, per il Movimento indipendentista Meris di Doddore Meloni. Oristano ha già avuto due donne sindaco, Lia Dettori Aiello e Angela Nonnis.

Fonte notizie.tiscali.it

Ma non e’ tutto, anche a Verona un candidato sindaco con 85 voti

Alessandro Gennari, 33 anni e capogruppo uscente della Quarta circoscrizione, è il nuovo candidato sindaco a Verona per il Movimento 5 Stelle. Come scrive Alessio Corazza sul Corriere di Verona a pagina 3, Gennari è stato votato ieri dalle 10 alle 19 con la formula delle “comunarie” online dagli iscritti certificati del blog al primo luglio 2016 e residenti a Verona. I voti sono stati in totale 226. Gennari ne ha raccolti 85, contro i 63 di Francesco Chiarelli, i 44 di Olimpia Paudice e i 34 di Francesco Carcangiu. Alcune critiche alla consultazione sono arrivate dagli iscritti poiché la comunicazione del voto è arrivata all’improvviso via mail nella mattinata del giorno stesso.

 

Gennari, tramite fra il M5S di Verona e la stampa per vari anni, coltiva varie passioni tra cui il rugby (ha giocato per il Verona in serie A), la musica e il teatro. Tra le sue battaglie politiche, spicca quella a favore della chiusura dell’impianto Cà Facci a Madonna di Dossobuono. «La sua candidatura nasce dalla voglia di risvegliare quelle generazioni di veronesi che saranno il futuro della città per mettere in atto un percorso virtuoso di miglioramento della qualità di vita di tutti – spiega una nota – le elezioni amministrative rappresentano l’ultima speranza per una rinascita di Verona». Il Movimento 5 Stelle è la prima forza politica ad aver scelto il proprio candidato sindaco a Verona in vista delle elezioni comunali. Il Pd ha fissato le sue primarie per il 19 febbraio, mentre il centrodestra è ancora alla ricerca di un nome.

Fonte vvox.it

CONCLUDO, ALLA FACCIA DELLA DEMOCRAZIA E DEL COINVOLGIMENTO.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Vai alla barra degli strumenti

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi