Italiana sfrattata di casa: pianta una tenda in municipio


Una procedura di abbattimento per abuso edilizio e una donna di Cava de’ Tirreni che lotta per non dormire in strada. Così la signora Pina Fariello, 65 anni, è arrivata a piazzare una tenda nel municipio della cittadina metelliana. 
“Non so dove andare, sono separata e con me abita un figlio 30enne disoccupato. Nonostante il tentativo del sindaco di acquisire l’immobile al patrimonio comunale – ha raccontato – sono stata cacciata via da casa mia, trattata come una delinquente. Domani arriverà la ruspa e io non so cosa fare”, questo il suo dramma.

“La casa, un primo piano di circa cento metri quadrati, si trova – precisa – in via Contrapone, in localita’ Passiano, dove vi sono numerosissime case abusive. Su interessamento anche del sindaco Vincenzo Servalli, l’abitazione, che era una prima casa, e’ stata acquisita a patrimonio comunale proprio per evitare l’abbattimento. Per l’immobile, oltre a versare diecimila euro di arretrati per il fitto, avrei dovuto versare un canone di circa trecento euro mensili. Ma non ho avuto in tempo di iniziare i versamenti, perche’ e’ arrivata tempestiva la comunicazione di abbattimento”.

ottopagine.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi