Trans in cattedra: respinto il ricorso di Cloe. «Un atto irresponsabile»

SAN DONA’ DI PIAVE – Presentarsi improvvisamente di fronte ai propri alunni non più come un uomo, l’assistente di laboratorio di elettronica in un istituto di San Donà di Piave, ma come Cloe, con minigonna, unghie laccate e parrucca, non è stato «responsabile e corretto» e pertanto è giusto ilprovvedimento disciplinare che ha portato alla sospensioneper tre giorni. Lo ha deciso, dopo il ricorso del prof, il presidente del tribunale del lavoro di Venezia Luigi Perina.
Il giudice ha ritenuto validi tutti i motivi della contestazione: dall’insubordinazione all’invito del dirigente a rinviare la scelta alla scarsa attenzione all’impatto sugli studenti, fino alla pretesa di farsi chiamare con un nome diverso da quello legale anagrafico.

(Il Gazzettino)


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Vai alla barra degli strumenti

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi