Iraq, l’Isis ha attaccato le porte monumentali di Ninive

Si tratta di una delle più famose città antiche, sulla riva sinistra del Tigri a nord della Mesopotamia, citata dalla Bibbia, che fu capitale del regno assiro.Si tratta di una delle più famose città antiche, sulla riva sinistra del Tigri a nord della Mesopotamia, citata dalla Bibbia, che fu capitale del regno assiro.Attacco alle mura e alle porte monumentali di Ninive, in Iraq, una delle più famose città antiche, sulla riva sinistra del Tigri a nord della Mesopotamia, citata dalla Bibbia, che fu capitale del regno assiro sotto il re Sennacherib (704 – 681 a.C.). L’azione distruttiva dei terroristi dell’Is è stata resa nota poco fa, tramite la pagina Facebook della rivista «Archeologia Viva» (Giunti editore), diretta da Piero Pruneti. La notizia è stata resa nota tramite il professore Paolo Brusasco dell’Università di Genova. “Notizie da fonti locali attendibili ci hanno comunicato (ancora non sono pervenute immagini) lo spianamento con bulldozer da parte dell’Is della celebre porta urbica di Mashki a Ninive”, si legge nel post. Anche se ricostruita in crudo negli anni di Saddam Hussein e quindi nel 2009, il monumento è di straordinaria importanza storica: si tratta della “Porta dell’abbeveraggio” citata nelle fonti del sovrano neoassiro Sennacherib, utilizzata per condurre le mandrie ad abbeverarsi nelle acque del fiume Tigri. Si trova sul lato occidentale delle fortificazioni di Ninive. “Si teme anche per l’integrità di queste spettacolari opere di difesa in crudo (12 chilometri di perimetro, larghe sino a 45 metri, alte oltre 10, rivestite in pietra e protette da torri merlate)”, spiega sempre il post, che cingevano la capitale di 750 ettari, la città che la Bibbia descrive come «larga tre giornate di cammino» (Libro di Giona 3,3). In antichità, quindici porte turrite, che portavano i nomi dei principali dei del pantheon mesopotamico, si innalzavano per oltre 23 metri sul livello di campagna. Quella di Nergal (sul lato nord delle mura), protetta da tori alati androcefali, è stata distrutta dall’Is, come si ricorderà, nel video del 26 febbraio 2015. 

fonte GLOBALIST.IT

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi